Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Legambiente terracina. per il terzo anno consecutivo, partecipa alla rete comunale di prevenzione incendi boschivi

Invia due esposti per segnalare un’area fortemente pericolosa in località Santo Stefano e i principali rischi relativi all’area di monte Sant’Angelo

| di Circolo Legambiente "Pisco Montano"
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Legambiente Terracina ha sottoscritto, per il terzo anno consecutivo, il protocollo d'intesa per le attività anticendio boschivo. La rete di prevenzione degli incendi, creata nel 2018 proprio a seguito del grave disastro incendiario dell’estate del 2017, sul quale Legambiente invio’ un corposo esposto in Procura, è coordinata dalla Protezione Civile comunale con le associazioni di volontariato, ambientaliste, sportive, cacciatori, e ha visto negli ultimi tre anni aumentare la propria qualita’ e quantita’ di impegno fino ad essere considerata una buona pratica da integrare nel sistema di prevenzione regionale della stessa Agenzia Regionale di Protezione Civile. I numeri del servizio AIB riportati l’anno scorso nel comunicato istituzionale conclusivo del 2019 https://comune.terracina.lt.it/notizie/111058/prevenzione-incendi-ottimi-risultati-terracina sono stati di tutto rispetto: circa 100 volontari impiegati in turni h24 per 108 giorni consecutivi (pari a 2592 ore di servizio), 21 interventi distribuiti tra la zone Le Mole, Frasso e Barchi, sette associazioni più la Protezione Civile Comunale, con il servizio potenziato dall’acquisto di una telecamera antincendio dotata di sensori infrarossi e capace di fornire informazioni georeferenziate h24 per 365 giorni l’anno, installata presso la zona collinare del territorio comunale, capace di coprire un raggio di diversi chilometri, il tutto in costante sinergia con la Protezione Civile Regionale, i Carabinieri Forestali, i Vigili del Fuoco e con le forze dell’ordine preposte.

Legambiente Terracina si occupa del problema degli incendi boschivi fin dal 2017, a seguito della gravissima situazione degli incendi dell’estate 2017 riportata nella nota congiunta sulla vicenda di #terracinainfiamme https://legambienteterracina.wordpress.com/2017/08/18/nota-congiunta-del-circolo-legambiente-di-terracina-e-di-legambiente-lazio-dopo-lazioinfiamme-anche-terracinainfiamme-con-un-prezioso-sic-regionale-quello-di-monte-leano-andato-completamente-in-f/ e dopo aver presentato il 1 ottobre 2017 insieme a Legambiente Lazio, a valle di una complessa raccolta di segnalazioni e testimonianze, un articolato e dettagliato esposto con allegati fotografici e rilevamenti satellitari alla Procura della Repubblica di Latina https://legambienteterracina.wordpress.com/2017/11/05/il-circolo-legambiente-di-terracina-pisco-montano-ha-presentato-nelle-scorse-settimane-congiuntamente-a-legambiente-lazio-un-articolato-e-dettagliato-esposto-alla-procura-di-latina/ che ha sicuramente contribuito a identificare le cause e quantificare i danni provocati dagli incendi avvenuti in preziosissime aree tutelate dalla Unione Europea a Terracina come SIC IT6040007 “Monte Leano” promosso a ZSC – Zona Speciale di Conservazione, SIC IT6040009 “Monte Sant’Angelo” promosso a ZSC, all’area collinare di Santo Stefano e Camposoriano – Sito di Interesse Comunitario IT6040006 “Monti Ausoni meridionali” promosso a ZSC, e con particolare riferimento alle zone ZPS.

Inoltre Legambiente Terracina collabora con l’Ente Parco Ausoni e Lago di Fondi, in qualita’ di firmatario di un protocollo specifico sottoscritto il 29 marzo 2018 http://www.parcoausoni.it/firmato-protocollo-dintesa-parco-ausoni-circolo-legambiente-terracina-la-tutela-lo-sviluppo/  relativamente ai Servizi di Vigilanza Ambientale, tra cui anche la sorveglianza antiincendio, e ai Servizi di supporto, attraverso la conoscenza da parte di Legambiente degli strumenti tecnologici satellitari, come il sistema europeo European Forest Fire Information System (EFFIS), Global Wildfire Information System (GWIS), del Copernicus Emergency Management Services (EMS).

Legambiente Terracina, dopo aver già partecipato attivamente alla stagione AIB 2018, 2019, ha firmato il protocollo e iniziato i propri servizi in concomitanza con la Ordinanza del Comune di Terracina N.71/AG del 15/06/2020 “Applicazione delle misure di prevenzione rischio incendi boschivi in vista del periodo di massima pericolosità per gli incendi boschivi” e ha provveduto ad inviare nei giorni scorsi, a seguito delle attività di vigilanza e avvistamento, ben due esposti – ampiamente documentati con rilievi fotografici- al Comando Provinciale dei Carabinieri Forestali, all’ Ente Parco Ausoni e Lago di Fondi, Comune di Terracina e Monte San Biagio al fine di segnalare un potenziale rischio di incendio relativo ad una ampia zona di circa 10 ettari interessata da un taglio del bosco e dalla presenza di ingenti quantitativi di ramaglie secche non asportate in localita’ Santo Stefano a Terracina e un potenziale rischio di incendio nell’area di Monte S.Angelo, considerando le fasce di interfaccia con la Strada panoramica, le intersezioni con il Sentiero del Tempio e il Parco della Fossata, l’abbandono illegale di rifiuti, la mancata manutenzione e la presenza di ramaglie secche anche in prossimita’ del Santuario del Dio Silvano. Inoltre, essendo stato appena riaperto dopo mesi il complesso santuariale di Monte S. Angelo, si è rilevato un forte rischio di incendio associato alla presenza di apparati e fili elettrici scoperti e la conseguente necessita’ di ripristinare il sistema elettrico, e la presenza di erbacce e infestanti che andrebbero ripulite anche per una questione di decoro oltre che di sicurezza, e la necessita’ di introdurre percorsi di sicurezza ed evacuazione anti incendio e punti di accesso all’acqua per eventuali spegnimenti di piccoli fuochi che potranno essere anche del tutto accidentali, visto che si è riaperto il sito alla fruizione pubblica.

Il Comune di Terracina presenta un indice di “pericolosità incendi MOLTO ALTA” come riportato sul Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi 2020-2022, (pagg. 255-256) e per questo è assolutamente necessario (vista anche la estensione e la preziosità dal punto di vista naturalistico delle aree ricadenti nel territorio comunale) ridefinire e potenziare il servizio di previsione, prevenzione e controllo delle aree a rischio, manutenere in modo costante le zone di interfaccia e delle fasce tagliafuoco, e adottare con urgenza tutti i provvedimenti stabiliti dai programmi e dai piani regionali compresi quelli relativi alla preparazione, alla formazione, alle dotazioni del nucleo di Protezione Civile comunale, e alla gestione dell’emergenza con la predisposizione di idonee procedure e relativi livelli di responsabilità, esercitazioni periodiche, designazione di aree di raccolta dei cittadini per assicurare i primi soccorsi in caso di eventi che possono mettere a rischio la sicurezza delle persone.

In base alla Legge Regionale n. 39 del 28/10/2002, del suo Regolamento di Attuazione (approvato il 18/04/2005) e con riferimento alla Deliberazione della Giunta Regionale del Lazio n.126 del 14/02/2005 e in base al programma di sviluppo rurale della Regione Lazio 2014- 2020, il Comune di Terracina avrebbe dovuto già da lungo tempo essersi munito di un Piano, mentre solo ad aprile 2019 è stato approvato, in Consiglio Comunale, il Piano di Gestione e di Assestamento Forestale (PGAF) del Comune di Terracina, che sarà valido per il decennio 2020-2029, adottato con Deliberazione di C.C. n.21 del 16/04/2019, con la quale sono state definite le linee di indirizzo per lo Sviluppo Sostenibile del patrimonio silvo-pastorale e lo schema generale della Pianificazione Sostenibile delle Risorse Forestali, delle procedure di approvazione, di cofinanziamento e di attuazione, piano che rappresenta uno strumento indispensabile di programmazione e gestione operativa ed esecutiva delle proprietà silvopastorali comunali, con gli obiettivi della valorizzazione naturalistica, la ripresa delle attività selvicolturali, la razionalizzazione del pascolamento del bestiame, e soprattutto la mitigazione del fenomeno degli incendi attraverso interventi di sensibilizzazione e prevenzione.

“Siamo ben felici di partecipare con le nostre squadre di volontari, che ringrazio a nome della Associazione, per il terzo anno consecutivo e sottoscrivere il Protocollo di Intesa comunale AIB 2020, anzi ci riteniamo sicuramente tra le Associazioni più attive e presenti con il proprio lavoro di vigilanza e osservazione e con gli esposti dettagliati e corredati di rilievi fotografici, ma riteniamo anche che sia necessario che il Parco degli Ausoni e il Comune di Terracina provvedano alla redazione e rendano operativi i propri Piani Anti Incendi Boschivi- PAIB, la cui redazione e aggiornamento deve essere quanto più partecipata dagli abitanti che conoscono tutte le caratteristiche del territorio e il Piano di Gestione e Assestamento Forestale - PGAF, come quello già adottato ma sembrerebbe non ancora reso operativo dal Comune di Terracina,  in modo che tali Piani contengano gli elementi di prevenzione della diffusione degli incendi e la pianificazione scientificamente corretta delle fasce taglia-fuoco, cosi come richiediamo che il Comune debba effettuare l’aggiornamento continuo del Catasto delle aree percorse dal fuoco, così come previsto dalla legge 353 /2000. Inoltre è importante che la squadra dei volontari AIB 2020 segua idoneo percorso formativo in modo da condividere una cornice di riferimento relativamente ai riferimenti normativi A.I.B, in merito alla determinazione e classificazione tipologica degli incendi boschivi, alle fasi evolutive degli incendi boschivi, alle principali e più sicure tecniche di spegnimento e di salvaguardia della propria incolumita’ nel caso di emergenza incendio. Inoltre, vorremmo fare un salto di qualita’ anche nella organizzazione dei servizi di sorveglianza e controllo ad esempio sulla base di modelli previsionali e di dati meteorologici forniti in tempo reale che permettano di concentrare le energie nelle giornate maggiormente rischiose per la propagazione degli incendi (temperatura elevata, vento sostenuto), con la creazione di punti di osservazione per l’avvistamento precoce degli incendi coerenti con la struttura geomorfologica del territorio e con il movimento delle masse d’aria; con l’ adozione della procedura univoca di segnalazione per le emergenze già in parte concordata con il Gruppo Comunale di Protezione Civile che possa velocizzare eventuali interventi con una opportuna strutturazione delle segnalazioni; ma anche ricevere un addestramento all’eventuale spegnimento di piccoli focolai di incendio mediante l’utilizzo di acqua che dovrà essere disponibile in punti strategici e ben identificati predisposti dall’Amministrazionedichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano e Consigliere Nazionale di Legambiente”. 

Circolo Legambiente "Pisco Montano"

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK