Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Legambiente torna sulla questione treno: dall’incontro tecnico con la direzione regionale trasporti, si conferma che non esiste ancora ad oggi nessun progetto complessivo

| di Circolo Legambiente "Pisco Montano"
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Legambiente Terracina insieme con l’osservatorio regionale sui trasporti e legambiente Lazio ha effettuato nei giorni scorsi un incontro tecnico di approfondimento con ing. F. Biasi della direzione regionale trasporti, alla presenza della dott.ssa lorenzon della segreteria tecnica dell’assessorato trasporti, e si conferma che non esiste ancora ad oggi purtroppo nessun progetto complessivo e che i tempi sia dell’appalto attuale che della predisposzione del progetto integrativo e successivamente del progetto di ripristino della linea saranno molto lunghi.  legambiente e l’osservatorio hanno richiesto alla regione di coordinare tutte le linee di progetto e di organizzare incontri periodici per monitorare costantemente da adesso in poi lo sviluppo dell’intero progetto.

A valle dell’incontro richiesto dal Circolo, da Legambiente Lazio e dall’Osservatorio Trasporti Regionale e avvenuto nei giorni scorsi, possiamo affermare che la Regione Lazio e in particolare la Segreteria Tecnica dell’Assessorato e la Direzione Regionale Trasporti ha inquadrato in modo corretto tutta la complessità dell’azione di ripristino della linea e concorda con quanto da noi rappresentato, ovvero che un conto è l’intervento per mitigare il rischio del dissesto idrogeologico, un altro è quello di procedere alla riattivazione della linea ferroviaria.

Si è concordato infatti nell’incontro che non c’è, ancora ad oggi e dopo quasi 8 anni dalla caduta del masso, alcuna chiarezza sui lavori complessivi di messa in sicurezza necessari, i loro costi e i loro tempi e soprattutto su quali siano i parametri di accettabilità del rischio da parte di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), responsabile della decisione di riattivare il servizio, considerato che i lavori di messa in sicurezza del versante franoso non ridurrebbero la classe di rischio elevata (classe 4), come da Piano di Assetto Idrogeologico (PAI), ma lo mitigherebbero soltanto.

Purtroppo, come era già emerso nell’audizione della Commissione Trasporti della Regione Lazio dello scorso Novembre richiesta dal nostro Circolo insieme a Legambiente Lazio e Osservatorio regionale sui Trasporti, sarà necessario, dopo l’espletamento della gara d’appalto per la messa in sicurezza di Monte Cucca (in capo al Comune di Terracina), prevista non prima di un anno anche in base ai tempi stabiliti dal codice degli Appalti, procedere, da parte della Regione e con i fondi disponibili ad oggi (ovvero i famosi 6 milioni di euro di cui si parla nel Piano Infrastrutture e Trasporti della Regione per il ripristino della linea riportati anche nel nuovo piano di investimenti e anche nella vecchia delibera CIPE (Delibera Cipe del marzo 2018 pubblicata in gazzetta ufficiale n. 132 del 9-6-2018)) ad un progetto integrativo per la messa in sicurezza dell’intero fronte franoso che, ricordiamo, comprende anche Monte Leano. Progetto integrativo che va definito, tenendo conto dei requisiti di RFI, e valutato in termini di costi. Costi che potrebbero essere coperti con parte dei 6 milioni di finanziamenti riportati nel Piano Infrastrutture e Trasporti della Regione, verificando puntualmente quanti di quei 6 milioni siano effettivamente necessari per il rispristino della linea e del servizio ferroviario ed utilizzando la parte restante per il progetto integrativo di messa in sicurezza della montagna.

Ed è proprio questo l’elemento più discordante: RFI non avendo proceduto alla manutenzione del tratto ferroviario che risultava sospeso ma non cancellato, ha lasciato degradare tutti i materiali, gli azionamenti, le opere civili, la stazione di Terracina, e risulta evidente, anche ai non esperti, che la cifra finanziata potrebbe non essere più congruente con le necessità di ripristino del servizio stimate a suo tempo e questo anche a seguito della necessità di adeguamento alle nuove normative di esercizio che nel frattempo sono subentrate.

E’ quindi necessario che la Regione Lazio faccia chiarezza verificando tutto quello che serve in termini di budget sia relativamente alla messa in sicurezza del fronte franoso nella sua interezza che alla riattivazione del servizio, visto che è stato riconosciuto da tutti i partecipanti all’incontro che l’unico progetto, ad oggi, effettivamente approvato e finanziato dalla Regione Lazio su piattaforma RENDIS e in via di attuazione da parte del Comune di Terracina, relativo alla messa in sicurezza del Monte Cucca, coprirebbe solo una parte del versante e non sarebbe sufficiente, come del resto è riportato nelle conclusioni della relazione tecnica allegata al progetto esecutivo, per consentire la riattivazione della tratta, neanche con la eventuale esigua cifra aggiuntiva di 800.000 euro stanziata dal Comune di Terracina.

Ringraziamo l’ Assessorato Regionale ai Trasporti e la Segreteria Tecnica e la Direzione Generale Trasporti della Regione Lazio nelle persone della Dott.ssa Giulia Lorenzon e l’Ingegnere Filippo Biasi  per aver dedicato tempo ed energie all’incontro e agli approfondimenti a margine e per aver accolto la proposta proveniente dall’ Osservatorio Regionale Trasporti e da Legambiente Lazio, oltre che dal nostro Circolo, di istituire un tavolo tecnico che monitori tutta l’evoluzione del progetto, per evitare gli errori e le carenze anzi peggio le manipolazioni informative degli anni precedenti e per aver accolto, e preso in carico per valutarla, la proposta di avere la Regione Lazio come coordinatore di tutto il progetto, avendo la Regione la duplice veste dell’Ente sovraordinato per la difesa del suolo e Ente gestore di un contratto di servizio con Trenitalia. Inoltre riteniamo importante che anche Trenitalia si esprima da subito sul ripristino della tratta anche perché non vorremmo trovarci nella condizione di spingere per un forte investimento pubblico infrastrutturale che però poi non può trasformarsi in effettivo servizio a causa della non remunerabilita’ della tratta ferroviaria o peggio a causa della mancanza di treni idonei o altri materiali necessari. Chiediamo che la Regione definisca e concordi una volta per tutte i Parametri di accettabilita’ del rischio per la riattivazione del servizio da parte di RFI e si predisponga, con un addendum al Contratto di Servizio con Trenitalia, a modificare il servizio da gomma a ferro e a reperire i treni necessari. Oggi abbiamo fatto sicuramente un passo avanti in termini di chiarezza condivisa sullo stato del progetto e sulle sue ulteriori necessità in termini sia progettuali che finanziari, necessità che monitoreremo con attenzione nei prossimi mesi, con la Regione, assieme ai tempi e ai costi della gara che sarà indetta dal Comune per la messa in sicurezza del tratto già progettato e finanziato di Monte Cucca. E’ un cammino lungo e non sarà semplice raggiungere l’obiettivo, ma perlomeno è stato condiviso un approccio ed una metodologia di lavoro che non potrà che essere apprezzata da tutti i cittadini e i turisti di Terracina che potranno essere informati correttamente su quanto riguarda la questione treno senza proclami superficiali e affrettati trionfalismi del momentodichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”. 

Circolo Legambiente "Pisco Montano"

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK