Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Altro successo di pubblico per il "Filosera"

| di Ufficio Stampa
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

L’evento “Filosera” di venerdi 24 novembre all’IPS Filosi in Terracina si è svolto secondo la consolidata struttura suddivisa in tre momenti finalizzati ad unire didattica, cultura e tradizione locale.

Le “Pillole Culturali”.
Questa sezione è stata dedicata alla donna nell’occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” indetta dall’ONU per il 25 novembre.  Giovanni Di Spigno ha approfondito il tema relativo alla condizione della donna del ‘700, raccontando della moglie del Brigante Mastrilli. Mentre in “Paredolia- Guardare oltre” la fantasia artistica di Alessandra Romagna ha trasformato le macchie dell’intonaco dei muri antichi del centro storico di Terracina in immagini artistiche, specie ad oggetto donne, altamente evocative della condizione femminile.

Il“Buffet didattico”. 
Gli alunni del Filosi accompagnati dai docenti di laboratorio hanno esibito i loro progressi didattici con la preparazione di un buffet: si sono cimentati nell’elaborazione dei piatti, nel servizio e nell’intrattenimento dei numerosi ospiti. L’accoglienza dei più piccoli è stata curata dagli alunni dell’indirizzo Socio sanitario. 

L’”Evento artistico”.
La compagnia “Accademia di arte drammatica del Lazio” diretta da Fabio D’Avino e Stefania Parisella ha intrattenuto i partecipanti con la commedia “Te piace o’ presepe…?”, libera rielaborazione di “Natale in casa Cupiello” di Eduardo De Filippo. Gli attori avevano già rappresentato la commedia all’ IPS Filosi durante il “Filomatinée” svoltosi venerdì mattina davanti ad gremito e attento pubblico di alunni, dando loro l’opportunità di cogliere il senso profondo dell’opera della commedia di Eduardo. Pur tra l’ilarità gli artisti hanno ben evidenziata l’amara riflessione sull’ordinarietà. Il presepe di Luca Cupiello costituisce l’innocenza delle piccole cose a fronte della vita dura ed ai drammi esistenziali della famiglia: il fallimento del matrimonio della figlia, l’incapacità di autonomia del figlio…Resta l’irrisolto enigma della commedia di Eduardo: con il presepe Luca Cupiello fugge dalle sconfitte proprie e della propria famiglia oppure le affronta ricordando a tutti l’importanza e l’innocenza delle piccole cose spesso insignificanti?.

Il “Filosera”, anche in questa occasione, è risultato apprezzato dai numerosi ospiti che ad ogni evento crescono in numero ed in consenso. La formula, ideata e sostenuta dalla Dirigente Scolastica Anna Maria Masci, con l’offerta di riflessione, cultura e prelibatezze culinarie è un’autentica originalità. L’evento peraltro consente ai giovani alunni di cimentarsi nella didattica e costituisce l’occasione per la valorizzazione del nostro territorio e delle nostre tradizioni.

Ufficio Stampa

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK