Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Ortopedia del 'Fiorini' a rischio, arrivano le rassicurazioni della Asl

| di Renata Ricordi
| Categoria: Sanità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

La Asl di Latina ha preso formalmente l'impegno di rivedere il destino dell’Ortopedia dell’ospedale di Terracina ‘Alfredo Fiorini’: nella conferenza dei sindaci di ieri mattina il commissario dell’azienda sanitaria pontina, Giorgio Casati, ha assicurato che l’Atto Aziendale, approvato con alcune modifiche, non contemplerà la soppressione dell’Unità Operativa Semplice Dipartimentale di Ortopedia e il suo accorpamento con l’Unità Operativa Complessa di Formia, com’era stato invece previsto in un primo momento. “E’ stata una vittoria del buon senso” il primo commento a caldo del sindaco Nicola Procaccini che già nei giorni scorsi aveva telefonato al dottor Casati preannunciandogli la sua ferma contrarietà sul passaggio che si era pensato di attuare e il grave pregiudizio che ne sarebbe derivato per il territorio, non soltanto quello terracinese ma di tutti gli altri Comuni più o meno limitrofi che si rivolgono al pronto soccorso del ‘Fiorini’ anche per i traumi.

Nella conferenza di ieri mattina Nicola Procaccini ha illustrato il documento redatto con il Comitato pro ospedale e il capogruppo del Pd Alessandro di Tommaso che “è stato sottoscritto da almeno quindici Comuni ed è stato molto prezioso perché il commissario Giorgio Casati lo ha accolto dichiarando la propria disponibilità a rivedere quel passaggio sulla soppressione della Uosd di Ortopedia e il suo accorpamento con Formia” ha dichiarato il sindaco Procaccini.

Nel documento si sottolinea come l’Atto Aziendale approvato nel marzo 2015 fino a oggi sia stato solo parzialmente attuato, e questo vale anche per l’ospedale di Terracina pensato negli ultimi anni per l’emergenza-urgenza. Gli accessi al pronto soccorso del ‘Fiorini’ (circa 33.500 tra 2015 e 2016) sommati a quelli del ‘San Giovanni di Dio’ di Fondi (circa 24 mila) “collocano i due nosocomi dell’ex Presidio Centro tra gli ospedali provinciali al secondo posto dopo il Santa Maria Goretti di Latina, tra i primi del Lazio”. Nicola Procaccini ha ricordato come il ‘Fiorini’ sia diventato nel tempo punto di riferimento di una vasta area che comprende i Comuni collinari spingendosi anche verso sud per un bacino di assistiti di circa 150 mila utenti, che d’estate si moltiplicano. Per questo l’eventuale soppressione di Ortopedia sarebbe “un grave errore logistico e funzionale destinato a ripercuotersi negativamente sulla salute di migliaia di concittadini”. Piuttosto che tagliare, il sindaco ha chiesto al commissario della Asl di individuare il responsabile della Uosd e di integrare il personale ortopedico in organico.

 Alla fine il dottore Casati ha rassicurato sulla vicenda. “Il prossimo passo sarà ribadire la necessità di una tripolarizzazione della sanità pontina tra nord, centro e sud” ha aggiunto Procaccini.

Sempre ieri mattina a Latina c'è stata la massiccia azione di volantinaggio del Comitato in difesa dell'ospedale 'Fiorini' che poi nel pomeriggio si è incontrato anche con il sindaco Procaccini.

 

Renata Ricordi

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK