Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Oggi la Conferenza dei Sindaci, il Comitato a difesa dell'ospedale 'Fiorini' chiede di non approvare le modifiche all'Atto Aziendale

| di Renata Ricordi
| Categoria: Sanità
STAMPA
L'ospedale di Terracina 'Alfredo Fiorini'

Questa mattina a Latina è prevista la Conferenza dei Sindaci dove si discuterà la modifica dell’atto aziendale proposta dalla Asl. Tra le altre cose sarebbe prevista la soppressione della Unità Operativa Semplice Dipartimentale di Ortopedia dell'ospedale di Terracina e l’accorpamento con l’Unità Operativa Complessa di Formia. Per questo motivo ci saranno anche i membri del Comitato nato un paio di anni fa proprio per difendere il ‘Fiorini’ dal pericolo dello smantellamento del Presidio Centro. Distribuiranno volantini tra la gente per dire no a ogni eventuale indebolimento dell'ospedale di Terracina. Questo il testo del volantino preparato dal Comitato:

                                                                   COMITATO PER LA DIFESA DELL’OSPEDALE FIORINI DI TERRACINA

GLI UTENTI DEL DISTRETTO CENTRO NON SONO CITTADINI DI SERIE B

Ad un anno e mezzo dall’approvazione dell’Atto Aziendale ( sostanzialmente inattuato) della nostra AUSL viene convocata la conferenza dei sindaci per valutare la proposta di un nuovo atto che, invece di risolvere i problemi esistenti e dare risposta ai bisogni di salute della popolazione, va verso la definizione di un nuovo assetto territoriale che sostanzialmente decapita il Presidio Centro (Terracina-Fondi).

L’accorpamento previsto della UOSD di Terracina al Dono Svizzero di Formia rappresenta un vulnus micidiale alla sopravvivenza del distretto centro, che oggi conta più di 150.000 utenti che diventano più di 300.000 nei mesi estivi.

Si va ad indebolire una struttura ospedaliera che:

● nel corso del 2015/16 ha effettuato circa di 34.000 accessi al pronto soccorso;

● è strategicamente ubicata alla confluenza di alcune arterie stradali ad alto tasso di incidentalità ( Appia, Flacca, Pontina, superstrada di raccordo con l’autostrada ROMA-NAPOLI);

Alla luce di questi dati ed al fatto che nel corso degli ultimi anni, accanto alla presenza di unità operative ospedaliere quali Medicina, Ortopedia, Oncologia e alla rete dei Servizi di diagnostica si sono integrate eccellenti cliniche universitarie quali: chirurgia, dermatologia, oculistica, otorino laringoscopia , il Fiorini è diventato ospedale di riferimento per la quasi totalità dei Comuni della fascia collinare dei Lepini e degli Ausoni nonché del litorale da Sabaudia a Sperlonga.

Il suo ridimensionamento non può lasciarci indifferenti.

Pertanto mentre esprimiamo la nostra più forte contrarietà all’accorpamento della UOSD di Ortopedia di Terracina all’Ospedale Dono Svizzero di Formia,

chiediamo con forza

che si proceda in modo tempestivo e solerte:

  • Alla individuazione del Responsabile della struttura UOSD di Ortopedia e al ripristino nel nuovo Atto Aziendale della UOC di Ortopedia e Traumatologia
  • Alla integrazione del personale Ortopedico, di Chirurgia generale e degli anestesisti in organico .
  • All’ avvio immediato dei lavori per la realizzazione dell’OBI (finanziata da un anno circa)
  • All’assunzione del personale per il quale la regione, da almeno un anno, ha concesso le deroghe
  • Ai sindaci che parteciperanno all’assemblea di martedì 8 novembre, di non approvare la modifica dell’Atto Aziendale proposto dall’Azienda ASL di Latina a danno dell’ospedale di Terracina.

 

Renata Ricordi

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK