Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Area molo recintata dopo la stagione estiva, il parere del Meetup 5 Stelle

| di Terracina 5 Stelle
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Cosa succede all’Area del Molo? Perché da diversi giorni sui cancelli di ingresso sono presenti dei cartelli che vietano l’accesso dopo che per tutta la stagione estiva è stato permesso di utilizzarla abusivamente come parcheggio? 

Con quale atto è stata presa questa iniziativa tenuto conto che dall’Albo Pretorio comunale non risulta alcun documento ufficiale? In accordo con la Regione Lazio che nel 2014 ha rinnovato la concessione per sette anni al costo complessivo di 23242,17 euro?

Sono queste solo alcune delle domande che, ancora una volta e a difesa di un bene di interesse collettivo, luogo simbolo della nostra città, siamo costretti a rivolgere direttamente all’amministrazione terracinese tutta e in particolare all’Assessore con delega al Demanio Gianni Percoco e al dirigente del Dipartimento III Demanio Marittimo, Ing. Corrado Costantino.

Come ormai noto, infatti, l’Area del Molo, 13.650, 50 metri quadrati didemanio marittimo, è inserita in un sito di interesse archeologico, storico-monumentale, paesaggistico, e aggiungiamo, sottoposta a specifici standard urbanistici, con destinazione d’uso quello di “Area verde attrezzata “ e “ Centro per lo svolgimento di attività sportive, ricreative e culturali”.

Eppure, in una città come la nostra a forte vocazione turistica, che ha bisogno di spazi per concerti, feste, convegni e attività all’aria aperta per adulti, ragazzi e bambini, l’intero sito risulta tuttora abbandonato a sé stesso. Una situazione di degrado a cui l’amministrazione comunale, nonostante un parere poco incoraggiante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Terracina, qualche anno fa aveva provato a porre rimedio trasformandolo in un parcheggio per poi, sotto la pressione dei cittadini che avevano portato la questione sui tavoli degli enti regionali e statali, fare marcia indietro e indire, nel 2018, un avviso pubblico teso all’affidamento dell’area e al mantenimento di un centro per le attivitàsportive ricreative e culturali senza finalità di lucro. Un’iniziativa incoraggiante ma conclusasi con l’esclusione delle due società che avevano mostrato interesse e strascichi legali davanti al Tribunale Amministrativo Regionale. A vincere, ancora una volta, il degrado e l’occupazione abusiva. 

A perdere, e non è una novità, tutti i cittadini e l’intera Amministrazione Comunale, incapace di garantire l’interesse alla diretta fruibilità dell’area, la sua tutela, la valorizzazione e fruizione del Patrimonio Culturale. Il tutto senza contare gli ulteriori danni provocati dagli squilibri negli standard urbanistici con troppe aree adibite a parcheggi e, al contempo, insufficienti aree a verde attrezzato e a servizi sportivi ricreativi destinati all’uso della cittadinanza.

Se questa è un’amministrazione che vuole bene a Terracina…

Terracina 5 Stelle

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK