Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Maltempo, Pernarella (m5s): "prima boccata d'ossigeno arriva dal governo Conte"

Audizione congiunta delle Commissioni VIII e IX della Regione Lazio sugli eventi calamitosi di Ottobre 2018

| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Non appena gli Enti locali interessati forniranno alla Direzione regionale della Protezione Civile del Lazio la documentazione in cui sono elencati i primi interventi urgenti sostenuti a seguito degli eventi atmosferici del 29 Ottobre 2018, verranno immediatamente saldati per le spese anticipate.

A sottolineare la risposta della Direzione regionale della Protezione Civile del Lazio è Gaia Pernarella, consigliera regionale M5s del Lazio ed estensore dello specifico quesito nel corso dell’audizione congiunta della VIII e della XI Commissione della Regione Lazio, incentrata per lo più sugli eventi accaduti a Sperlonga, Fondi e Terracina.

Si tratta di circa tre milioni di euro stanziati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’immediatezza dei fatti e per cui in Commissione ci è stato assicurato che la Regione Lazio ha provveduto ad aprire una contabilità speciale, dunque separata dal Bilancio della Regione, e che ora è disponibile per i Comuni: una prima buona notizia per tutti gli Enti interessati da quei drammatici eventi, va in ogni caso riconosciuto prontamente e adeguatamente supportati dall’Agenzia regionale della Protezione Civile, - commenta la Consigliera terracinese

Nel corso dell’audizione gli Uffici hanno ribadito la loro vicinanza agli Enti locali e si sono proposti, ce lo auguriamo considerata la ripetitività degli eventi calamitosi, di arricchire la loro collaborazione alle strutture presenti sul territorio. Negativa l’assenza degli Assessori competenti nel corso della seduta. Non è pensabile per chi rappresenta la Giunta – conclude la Consigliera 5 Stelle - non venire in Commissione a riferire sugli impegni presi in Aula da tutto il Consiglio regionale, anche tenuto conto di come eventi analoghi accaduti un anno prima e nella stessa zona, ancora oggi vedono procedure non concluse. Ci saremmo aspettati una maggiore sensibilità e presa di responsabilità politica, almeno pari a quella avuta immediatamente dopo gli eventi calamitosi.

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK