Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Il Comune di Terracina aderisce al Manifesto d’Intenti verso il “Contratto di Fiume Amaseno”

L’assessore all’Ambiente Zappone: “Altro passo avanti verso la tutela del patrimonio ambientale e produttivo del nostro territorio, nonché importante prospettiva di incentivazione del turismo locale”

| di Staff del Sindaco di Terracina
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

La Giunta Comunale di Terracina, ha ritenuto, con apposita Deliberazione, di aderire al Manifesto d’Intenti verso il “Contratto di Fiume Amaseno”.

 

Si tratta di una iniziativa riguardante un vasto progetto di valorizzazione ambientale per il bacino idrografico del su menzionato corso d’acqua.

 

L’iniziativa è stata promossa nei mesi scorsi dalla XIII Comunità Montana dei Monti Lepini e Ausoni, mediante il coinvolgimento delle istituzioni locali e di una pluralità di soggetti pubblici e privati, in programmi relativi alla promozione e allo sviluppo del territorio, mediante percorsi equestri, recupero di infrastrutture come ferrovie dismesse e cosiddette “vie del culto” (come la Via Francigena), itinerari archeologici e storico-ambientali.

 

Iniziativa per la quale l’architetto Pierfrancesco De Angelis, da circa un anno, sta coadiuvando l’attività dell’Amministrazione Comunale di Terracina, contemporaneamente al contratto di fiume Cavata-Linea Pia cui il comune stesso ha, a suo tempo, aderito.

 

Il fiume Amaseno, il cui bacino idrografico si estende per circa 239 kmq, segue un breve tratto delle province di Frosinone e Latina. Dopo aver attraversato il territorio del comune di Priverno, esso lambisce il borgo di Fossanova a valle del quale, in territorio di Terracina, incontra, alla confluenza di Ponte Maggiore, il fiume Ufente e il canale Linea Pio VI, da cui si diramano il fiume Portatore, il Diversivo Linea e la Linea Pia che - dopo aver attraversato il centro urbano di Terracina - sfocia nel mare in prossimità del Porto Traianeo. Sistema fluviale, quindi, di primaria importanza per le aree adiacenti, e per le attività ivi presenti, operanti nei settori agricolo, zootecnico e lattiero-caseario, la cui salvaguardia è fondamentale per l’economia del territorio.

Di qui, la necessità di adottare adeguate strategie, in linea con la nuova programmazione dei fondi europei diretti e indiretti, in grado di promuoverne la valorizzazione e la riqualificazione attraverso azioni di conoscenza, prevenzione, mitigazione del sistema idrogeologico del bacino dell’Amaseno. Valorizzazione che interesserà anche il comparto turistico, incentivato dalla riscoperta delle locali bellezze storico-paesaggistiche.

Così l’architetto De Angelis: “Ritengo questa iniziativa di estrema importanza, dal momento che il territorio del Comune di Terracina si pone come terminale del vasto sistema idrografico della Pianura Pontina, nonché come uno dei tratti di costa tirrenica più suggestivi del Lazio, ossia la Riviera d’Ulisse. Colgo l’occasione per ringraziare l’Amministrazione Comunale di Terracina per l’opportunità offertami di lavorare a questo fondamentale progetto di carattere ambientale”.

“L’adesione a questo Manifesto d’Intenti costituisce un ulteriore passo avanti verso la tutela del patrimonio ambientale e produttivo del nostro territorio, nonché un’importante prospettiva di incentivazione del turismo locale – ha detto l’assessore comunale all’Ambiente, Emanuela Zappone – Ringrazio l’architetto De Angelis per la preziosa assistenza tecnica e la collaborazione che sta prestando a questa iniziativa. L’impegno dell’Amministrazione Comunale di Terracina in favore della tutela e della valorizzazione dell’ambiente e della comunità tutta prosegue senza alcuna sosta”

Staff del Sindaco di Terracina

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK