Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Goletta verde fa una tappa di terra a Terracina per raccontare le tre vele nella guida blu “il mare piu’ bello” di Legambiente e Touring Club

Il Convegno e Conferenza Stampa “Goletta Verde 2018 a Terracina - Tappa di Terra”, evento all’interno del programma della campagna nazionale “Goletta Verde 2018”, si è svolto ieri martedì 10 luglio 2017 dalle 17 alle 19

| di Circolo Legambiente Terracina
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Goletta verde fa una tappa di terra a Terracina per raccontare le tre vele nella guida blu “il mare piu’ bello” di legambiente e touring club, i positivi risultati delle analisi delle acque 2018,  il laboratorio Legambiente-Itis Bianchini “goletta verde a Terracina”, la rete multistakeholder “Plastic Free Beaches Terracina”, nata sul modello presentato da Legambiente all’Onu e il progetto sperimentale “Fishing for Litter Terracina”, primo pilota nel Lazio e la menzione speciale al gestore RSU De Vizia Urbaser per comuni ricicloni: Terracina si conferma tra i migliori lidi della regione Lazio per la qualita’ ambientale e turistica e con le sue azioni virtuose e’ all’attenzione della regione Lazio e della commissione ambiente della Camera dei Deputati.

Il Convegno e Conferenza Stampa “Goletta Verde 2018 a Terracina - Tappa di Terra”, evento all’interno del programma della campagna nazionale “Goletta Verde 2018”, si è svolto ieri martedì 10 luglio 2017 dalle 17 alle 19.30 presso Hotel River Palace in Via Pontina, organizzato dal Circolo Legambiente Terracina "Pisco Montano", da Legambiente Nazionale - Goletta Verde e da Legambiente Lazio, e dalla rete territoriale Plastic Free Beaches Terracina, con il supporto del Sindacato Italiano Balneari SIB Terracina di Confcommercio e dell’Associazione Albergatori di Terracina “Riviera di Ulisse” con il patrocinio del Comune di Terracina, dell’Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse, della Guardia Costiera-Capitaneria di Porto di Terracina e dell’Istituto A. Bianchini di Terracina.

Il Convegno ha visto la partecipazione, oltre che Comandante della Capitaneria di Porto TV Alessandro Poerio e dell’Assessore all’Ambiente Emanuela Zappone, in rappresentanza del Sindaco e dell’Amministrazione, del Presidente di Legambiente Lazio Roberto Scacchi, del Comandante Stazione Carabinieri Forestale Luogotenente Giuseppe Pannone, di rappresentanti dell’Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse, del Sindacato Balneari, di dirigenti e funzionari tecnici del gestore idrico ATO4 Acqualatina SpA e del gestore integrato dei rifiuti De Vizia Transfer SpA Urbaser SA, e altri rappresentanti delle Scuole, degli Operatori turistico-balneari e delle Associazioni di Terracina, dei giornali e delle testate on line della Provincia.

È stata presentata, diffusa e consegnata, la Guida Blu “Il Mare più Bello” 2018 di Legambiente e Touring Club, la classifica che non si basa solo sulla qualità delle acque, ma spazia all’interno di uno studio di oltre 100 parametri relativi all’accoglienza turistica, tra sostenibilità delle scelte territoriali, accessibilità del litorale, bellezza ambientale e naturalistica, tutti indicatori che insieme determinano l’assegnazione delle vele. Guida che quest’anno, anche grazie all’impegno e alla qualità dei progetti portati avanti dal Circolo “Pisco Montano”, alla menzione speciale di Goletta Verde 2016 al Comune di Terracina per la chiusura del depuratore eco-mostro costiero e  alla menzione speciale di Goletta Verde 2017 al Gestore ATO4 Acqualatina 2017 per la costruzione del collettore fognario costiero, ha assegnato a Terracina per il secondo anno consecutivo la terza vela inserendola all’interno del comprensorio turistico balneare Riviera di Ulisse insieme a Sperlonga e Gaeta. 

Il Convegno ha visto poi la presentazione, a cura del Presidente di Legambiente Lazio, Roberto Scacchi, dei dati di Goletta Verde 2018 relativi ai siti campionati nel territorio del Comune di Terracina (Spiaggia di Levante - Foce Canale di Navigazione, Foce del fiume Portatore a Porto Badino e foce del fiume Sisto). Le analisi microbiologiche mirate alla rilevazione dei batteri fecali sono risultate tutte entro i limiti, e per il secondo anno consecutivo, non evidenziando la presenza di fattori inquinanti di tipo batterico in nessuno dei tre siti di campionamento.

Sono poi stati presentati a cura della Prof.ssa Angelina Fruggiero, referente del Dipartimento Chimico dell’ ITS A. Bianchini,  i primi risultati delle analisi effettuate dal laboratorio #GolettaVerdeaTerracina, costituito a valle del progetto PON MIUR 2014-2020 “Da Goletta Verde alle Sentinelle del Mare” svolto congiuntamente dal Circolo locale, Legambiente nazionale e dalla Scuola, per il monitoraggio delle acque, dei pesticidi e delle microplastiche, con i primi campionamenti effettuati a maggio nei punti importanti della città, oltre i punti di prelievo di Goletta Verde, anche presso i fiumi interni e i canali come Ponte Maggiore (confluenza tra Amaseno, Ufente e Lungolinea), Porto Badino (confluenza tra Portatore, Mortacino, Cavata), Lungo linea Pio (Ponte Rosso, Ponte del Salvatore, Passerella) con le prime risultanze relative alle analisi microbiologiche che vedono solo alcune criticità soprattutto lungo i canali, attualmente in fase di approfondimento, ma che confermano i risultati di Goletta Verde.

Sono stati poi presentati, cura dell’Ing. Gabriele Subiaco, Vice Presidente del Circolo e Responsabile del Dipartimento Scientifico i primi risultati del progetto sperimentale #FishingforlitterTerracina (F4LT) per il recupero delle plastiche in mare e una migliore qualità del mare, del turismo e dei prodotti della pesca insieme ai Pescherecci Carlo Padre di Quirino Cicerano, Tequila di Quirino Alla e Piramide di Domenico Monti,  lanciato a maggio in occasione della Campagna Spiagge e Fondali puliti 2018,  primo pilota del protocollo regionale “Fondali Puliti” tra Regione Lazio, ARPA Lazio e COREPLA. Il progetto sta monitorando un’area di 5000 chilometri quadrati e fino ad oggi sono stati raccolti 1600 kg di rifiuti marini di cui l’80% è plastica. Sono 140 le tonnellate di rifiuti marini stimate nella zona monitorata e 10 gli anni che sarebbero necessari per ripulirla a questo ritmo. E’ stata presentata anche una prima mappa delle densità dei rifiuti marini dell’area monitorata (kg/kmq di fondale).

E’ stata poi l’occasione per presentare, a cura di Felice Enrico Di Spigno, Coordinatore della Rete Territoriale PFBT e Presidente SIB Confcommercio di Terracina,  le molteplici attività svolte sia in estate che in inverno - a partire dal coinvolgimento nella scorsa stagione estiva di tutto il litorale terracinese con tantissimi bambini, cittadini e turisti, oltre a esercenti, scuole, operatori turistici e il gestore locale dei rifiuti nella sfida internazionale "#5minuteschallenge -In 5 minuti puoi salvare una tartaruga marina", alla pulizia straordinaria della zona del molo a settembre con #puliamoilmondo2017 e della spiaggia di ponente con gli alunni dell'ITS A. Bianchini di dicembre, fino alla campagna #BeachLitter con le Scuole IC Montessori e ITS Bianchini e alla campagna #CacciaalDischetto, alla intervista alla RAI3 Geo&Geo di maggio,  nonché la firma del protocollo di intesa e i diversi incontri effettuati per raccogliere tutte le istanze provenienti dai portatori di interesse- dalla rete territoriale di prevenzione e contrasto alla plastica in mare e sulle spiagge #PlasticFreeBeachesTerracina, nata dal progetto internazionale #PlasticFreeBeaches di Legambiente nazionale, finanziato dalla Fondazione Principato di Monaco, come rete multi-stakeholder permanente territoriale di coordinamento, sul modello di quella presentata da Legambiente all'Onu lo scorso giugno nella Conferenza mondiale sugli oceani, nella sessione "Multistakeholder Governance for Tackling Marine Litter in the Mediterranean Sea", formata da Legambiente Onlus, Circolo Legambiente Terracina "Pisco Montano" Onlus, Comune di Terracina, Capitaneria di Porto di Terracina, Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse, De Vizia Urbaser Transfer Spa, Acqualatina Spa, Sib-Confcommercio, Confcommercio Ascom Terracina, Confcommercio Lazio Sud, Cooperativa dei Pescatori di Terracina, Cooperativa dei Pescatori "La Sirena", Associazione Albergatori Terracina "Riviera di Ulisse", Associazione Ristoratori Terracina "Terracina a Tavola", Consorzio Turistico "Terracina D'Amare", Hotel Torre del Sole, Stabilimento Balneare "Le Rive di Traiano", Albergo Neapolis - Un punto macrobiotico, Waterstore – Acqua alla Spina di A. Sacchetti, Detersfusi- Detersivi alla Spina di Silvia e Angelo, B&B La Principessa del Silenzio - Legambiente Turismo, Bar del Molo da Bonifacio, Bar Traiano da Francesco, Scuola IC Don Milani – Scuola Sostenibile Legambiente, Scuola ITS A. Bianchini, Scuola IC M. Montessori, Scuola IPS A.Filosi.

La nuova campagna estiva 2018 della rete sarà dedicata alla campagna #usaegettanograzie nazionale di Legambiente https://usaegettanograzie.it/ alla quale si affianca la campagna cittadina #acquasenzaplastica. Ci sarà sempre la sfida #5minuteschallenge con uno snorkeling contro la plastica aperto a tutti per raccogliere più plastiche che coinvolgerà gli stabilimenti aderenti alla rete PFB con sessioni di ecoanimazione. Il vincitore avrà in omaggio la bottiglia in vetro con il logo Legambiente

Il primo Snorkeling contro la Plastica, che sarà poi annunciato con un comunicato stampa, e che vedrà direttamente coinvolti anche gli operatori di salvataggio degli Stabilimenti, avverrà dalle 10 alle 12.30 nella zona di Badino il 10 agosto (Stabilimenti ITALCANADA, SHANGRI-LA’), nella zona Ponente 1 il 17 agosto (Stabilimenti TORRE DEL SOLE, PICCOLO LIDO, GALEONE), nella zona Ponente 2 il 24 agosto (Stabilimenti IL GABBIANO, ALBERTO A MARE), nella zona di  Levante il 31 agosto (Stabilimenti RIVE DI TRAIANO, LA ROTONDA). L’iniziativa è aperta anche ad altri Stabilimenti nelle zone, che vorranno sottoscrivere il Protocollo di Intesa.

Inoltre è stato presentato, a cura di Anna Giannetti, Presidente del Circolo, il nuovo progetto #Terracina da comune riciclone a #rifiuti-free e #plastic-free” anche per mettere al centro dell’azione la tariffazione puntuale, che ricordiamo sarà obbligatoria entro il 2020 per volontà regionale, presentando sia i dati che hanno permesso a Terracina di diventare per la prima volta Comune Riciclone Legambiente 2017 sia ribadendo la volonta’ di partecipare su un tavolo congiunto con l’Amministrazione come l’Osservatorio Rifiuti, al quale Legambiente ha chiesto di partecipare da un anno e alla cui richiesta purtroppo l’Amministrazione resta ancora incomprensibilmente sorda.

Il Circolo ha poi voluto premiare, con una menzione speciale, il Gestore cittadino RSU De Vizia Transfer SpA e Urbaser SA, con un apprezzamento diretto di Legambiente nazionale e regionale che ha recentemente premiato per la prima volta Terracina come Comune Riciclone 2017, (e sono solo 76 i comuni ricicloni nel Lazio su un totale di 378) cioè dei comuni che hanno raggiunto nel 2016 una percentuale di raccolta differenziata superiore al 65%, sulla base dei dati 2016 dei comuni riportati nel Catasto Rifiuti dell’Ispra (Ministero dell’Ambiente). Terracina risulta al 18° posto (al quarto posto tra i comuni della provincia di Latina ed il più popoloso del Lazio) con una percentuale di differenziata del 73,07% (dati 2016 da Catasto ISPRA) con una ottima performance di miglioramento in pochi anni.

Inoltre la menzione vuole essere di stimolo per il Gestore RSU alla partecipazione al progetto “TERRACINA da comune riciclone a comune rifiuti-free e plastic-free”, che consentirà di avviare Terracina verso il riconoscimento di Comuni Ricicloni Rifiuti-Free cioè quei Comuni dove la raccolta differenziata funziona correttamente, ma soprattutto dove ogni cittadino produce, al massimo, 75 chili di secco residuo - ovvero di rifiuti indifferenziati avviati a smaltimento-  all’anno. Nel Lazio, 11 sono i Comuni Rifiuti-Free 2018, solo Itri e Maenza in provincia di Latina. Terracina ad oggi presenta un dato di indifferenziato pari a 126,8 KG procapite annui (dati 2017 del Gestore). Per quanto riguarda la produzione di plastica Terracina presenta un dato di 15,6 kg/anno/pro-capite (Catasto Rifiuti Ispra 2016).

E’ stata poi annunciata la prossima firma del protocollo di intesa del Circolo con l’Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse, impegnato in prima linea nel contrasto dell’inquinamento da plastiche e microplastiche e per uno sviluppo turistico sostenibile del comprensorio della omonima Riviera.

L’On. Rossella Muroni, trattenuta proprio nelle stesse ore alla Camera dei Deputati per una importante proposta di Legge sull’istituzione della Commissione Ecomafie http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/istituzioni/2018/07/10/ok-della-camera-alla-commissione-ecomafie-pdl-va-al-senato_9157151c-c6b1-40d2-8242-a3233768ce48.html, ha inviato un video di saluti a Terracina, che è stato condiviso con tutti i partecipanti al convegno, in cui ribadisce l’attenzione per le azioni della rete di terracina e del progetto Fishing for Litter, mettendosi in ascolto, in qualità di membro della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati e proponente, a prima firma, di una proposta di legge per il “fishing for litter”, delle necessità dei pescatori e dei balneari di Terracina.

“Voglio innanzitutto ringraziare Confcommercio tutta e l’Associazione Albergatori di Terracina “Riviera Di Ulisse” con la Presidente Teresa Ciampa per averci gentilmente ospitato in una splendida cornice come quella dell’Hotel River Palace e in modo particolare Giovanni Amuro, da sempre sostenitore concreto delle nostre iniziative di miglioramento e testimone di tutti i passaggi epocali che consolidano la rete territoriale come soggetto operante per un ambiente migliore e per un turismo sostenibile. Terracina si conferma ancora per questo anno, anche proprio grazie alla grande operazione sinergica tra tutti gli attori del mare e del turismo, come Guardia Costiera, pescatori, balneari, operatori del turismo, associazioni e sindacati di categoria, gestore idrico e gestore RSU, Scuole - commenta Anna Giannetti, Presidente del Circolo-, a livelli di assoluta eccellenza regionale, sia per i dati di Goletta Verde, che la confermano come uno dei lidi per la migliore qualità nel Lazio per le acque di balneazione (oltre che assegnatario di 3 Vele Legambiente come comprensorio “Riviera di Ulisse” insieme a Sperlonga e Gaeta, anch’esse lidi di eccellenza del nostro litorale per la qualità delle acque di balneazione), che per la cultura scientifica e sperimentale delle nostre Scuole come l’ITS A. Bianchini, capace di mettere a frutto in un anno tutti gli stimoli di Legambiente e costruire il primo laboratorio-specchio di Goletta Verde per la Regione Lazio. Inoltre Terracina, viene riconosciuta con la sua Rete territoriale “Plastic Free Beaches Terracina” e come primo pilota regionale per il progetto di “Fishing for litter” FONDALI PULITI, come un distretto di eccellenza per la lotta alla Plastica a livello regionale e nazionale, all’attenzione della Regione Lazio e della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati, come testimoniano la scelta di Terracina come sito di attuazione del Protocollo firmato il 3 luglio scorso tra Regione Lazio, Arpa e Corepla da parte dell’Assessore Regionale M. Valeriani e l’interesse dell’On. Rossella Muroni, membro della Commissione Ambiente, che ci ha ribadito nel convegno il suo supporto a costruire insieme un percorso associato alla sua proposta di legge a prima firma sul “fishing for litter”. Riteniamo però che anche l’Amministrazione locale a tutti i livelli (giunta, consiglio, maggioranza e opposizione, uffici tecnici e istituti di partecipazione) debba valorizzare sempre più questo “capitale” di approccio scientifico, tecnico e operativo di Legambiente e di tutta la rete Plastic Free Beaches Terracina, che, tra le altre cose, mette a disposizione rapporti annuali autorevoli come l’ECOSISTEMA URBANO, BEACH LITTER E GOLETTA VERDE e tutti i dati di monitoraggio della rete PFBT, del laboratorio Goletta Verde a Terracina, del progetto F4LT, mettendosi alla guida di un reale processo di conversione verso un turismo sostenibile, abituandosi gradualmente ai confronti con altre realtà regionali e nazionali, ai monitoraggi, alle misure, ai dati, che sono gli unici che possono veramente orientare efficaci politiche ambientali, indicatori univoci del benessere e della qualità della vita della città al di la’ di molte “belle parole”. Ci aspettiamo poi dall’Amministrazione e soprattutto dall’attuale Sindaco, dopo la storica sottoscrizione del protocollo di intesa di marzo scorso con l’ingresso dell’Amministrazione nella rete di contrasto alle plastiche sulle spiagge e in mare PFBT, un’azione decisa come ad esempio una ordinanza sindacale di divieto delle plastiche usa e getta sul litorale, sullo stile di quanto si sta già cominciando a fare in altri territori a livello nazionale, e sull’introduzione a breve della Tariffa Puntuale, pur consci della complessità gestionale che queste scelte comportano, impegnandoci come sempre a supportare questo processo di cambiamento”

 

 

Circolo Legambiente Terracina

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK