Rimani sempre aggiornato sulle notizie di terracinanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Nei dintorni di Terracina: storie di campioni del tavolo verde

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Arrivano direttamente dalla splendida Gaeta e dalla provincia di Latina due dei maggiori talenti del poker sportivo online italiano. I loro nomi nickname sono “pippetto86” e Gianpaolo Cappello e questa è la storia della loro ascesa ai vertici nazionali della disciplina.

Classe 1986, Alessandro di Gaeta, per tutti i pokeristi “pippetto86”, inizia la sua carriera nel 2010 con le prime partite hold'em sit e con un approccio amatoriale e improntato al divertimento. Il primo periodo è caratterizzato da buoni risultati alternati a fisiologici momenti di difficoltà. Ma quello che non manca al laziale è l'umiltà che, unita alla voglia di imparare e alla curiosità per tutte le varianti del gioco, lo porterà a raggiungere in breve tempo traguardi importanti.

Nel 2015 l'anno della svolta. “pippetto86” è ormai in forte ascesa, si è affermato come uno dei pokeristi più versatili del panorama online italiano e inizia a collezionare successi. Il primo in ordine di tempo è il primo posto in un evento delle Micro Series. Nel torneo 23 – Pl Omaha Hi-lo, il ragazzo di Gaeta supera “driverg20” e “gigi89lp” portando a casa la Prima Picca in carriera.

Pochi giorni dopo arriverà il bis: il laziale si piazza sul terzo gradino del podio del Sunday Special di PokerStars, uno dei tornei domenicali più importanti del circuito.

Ultimo risultato importante in ordine di tempo il decimo posto nell'evento Omaha delle Micro Series 2016. 

Nelle ultime Winter Series organizzate dalla Casa della Picca Rossa c'è un giocatore che si è reso protagonista di un'impresa storica per il poker italiano: Gianpaolo “ecolegno” Cappello. Il 39enne laziale ha infatti conquistato due degli eventi più importanti della rassegna invernale a distanza di pochi giorni uno dall'altro.

Ma andiamo con ordine. Cappello è quanto di più lontano ci sia da un professionista del poker. Gestore di una lavanderia nella vita di tutti i giorni, è un grande appassionato di calcio e si dedica al Texas Hold'em online solo nel tempo libero.

Un approccio che non gli ha impedito di togliersi grandi soddisfazioni al tavolo verde virtuale. Abituato a giocare eventi dal buy-in modesto, lo scorso inverno decide di iscriversi all'appuntamento numero 7 delle Winter Series, il NL Hold'em 6-max. Mai decisione fu più azzeccata. Dopo un torneo condotto sempre all'attacco, “ecolegno” batte oltre duemila avversari e conquista la prima vittoria in carriera. Ed è solo l'inizio. Sulle ali dell'entusiasmo per l'inaspettato trionfo sceglie di partecipare anche al NL Hold'em EPIC FANIA, l'evento clou della rassegna.

Gli iscritti all'EPIC FANIA sono 1.234 e molti di loro sono professionisti di lungo corso. Non è un problema per il laziale che continua il suo “magic moment” e domina realizzando una doppietta storica, soprattutto per un giocatore che non fa del poker la sua occupazione principale.

Basti pensare che dopo un anno e mezzo dall'apertura ufficiale del suo account e prima di conquistare il doppio successo il suo risultato migliore era stato il quarto posto in un 6-max Club.

La vittoria non ha cambiato le prospettive di Cappello che continua a giocare principalmente MTT, i tornei multitable online, con il solito approccio spensierato e con la stessa voglia di divertirsi.

Nonostante la doppietta, “ecolegno” ha dichiarato nelle interviste post-trionfo che la sua ambizione non è quella di scalare i vari livelli di rendimento per poter partecipare a eventi più prestigiosi o tentare la strada del live.

Un ragazzo con la testa sulle spalle che ha investito buona parte della vincita nelle sue attività commerciali e il resto per continuare a coltivare la propria passione per il poker aumentando la frequenza di partecipazione ai tornei online. Quel mondo dell'online che il laziale ha conosciuto grazie a Giordano Gelli, noto regular del circuito nazionale e coach di buon livello.

“Questo per me resterà sempre un bellissimo hobby, magari riuscirò anche a migliorare un pochino” ha dichiarato Cappello dopo la doppietta. Se i progressi arriveranno con la stessa velocità dell'ultimo anno e mezzo i professionisti italiani potrebbero aver trovato un nuovo pericolosissimo avversario.

Contatti

redazione@terracinanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK